Sport

Published on novembre 23rd, 2016 | by Redazione

0

Atletico Orte, la misura è colma

Brugnoletti (2)

Massimiliano Brugnoletti

L’Atletico Orte non sta certamente vivendo un bel momento. Dopo due stagioni esaltanti, coronate da un doppio salto dalla Prima Categoria all’Eccellenza, la squadra guidata da Alessandro Cavalli sta pagando pesantemente lo scotto del debutto nella massima categoria regionale ed attualmente è ultima in classifica, con soli 2 punti conquistati.

Nonostante un mercato importante ed una rosa da tutti considerata all’altezza della categoria, qualcosa sembra non funzionare nei meccanismi della squadra, che fatica a raccogliere quanto semina e soffre costantemente di infortuni importanti; ma anche i fattori esterni stanno avendo un ruolo decisivo, perché praticamente ogni domenica gli ortani lamentano qualche episodio arbitrale sfavorevole.

Dopo dieci giornate in cui la tendenza non si è mai invertita, la società sembra aver perso la pazienza e il presidente Massimiliano Brugnoletti parla senza peli sulla lingua. “È dall’inizio del campionato che avvertiamo una certa ostilità nei nostri confronti. Il motivo non lo so: forse ci vedono come un soggetto di disturbo nella élite del calcio umbro, perché nel giro di due anni siamo arrivati dal nulla all’Eccellenza, o forse siamo passati per presuntuosi; sta di fatto che abbiamo l’impressione di essere sgraditi a tutti.”

L’atteggiamento degli arbitri e dei tesserati delle società avversarie è sempre ostile – continua Brugnoletti – In campo spesso i nostri giocatori ricevono un trattamento molto spigoloso dagli avversari e gli arbitri non ci tutelano mai.

Il presidente racconta anche un aneddoto. “Quest’anno abbiamo deciso di proporre a tutti i nostri avversari nelle partite casalinghe di fare il terzo tempo, andando a mangiare o bere qualcosa insieme in un locale vicino al nostro stadio, un po’ sullo stile del rugby. Finora, però, non è mai venuto nessuno. Cosa dovrei pensare?

Dopo un po’ di tempo – conclude il presidente – abbiamo cominciato ad unire i tasselli: arbitraggi sfavorevoli, atteggiamento scontroso degli avversari, iniziative che non hanno riscontro. Mettendo insieme il tutto, la conclusione più logica è che siamo visti come un elemento di disturbo.

Brugnoletti, però, non vuole accettare passivamente la situazione. “Stiamo valutando di compiere qualche gesto eclatante nella prossima partita, per dimostrare che siamo stanchi di essere maltrattati da tutti. Ho visto e sentito cose che mi hanno disgustato e non sono disposto ad andare avanti così.

Tags: , , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑
  • Archivi

  • Calcio Barella
    ViterboNews 24
    Tele Radio Orte
    Radio Rider