Agenda eventi

Published on settembre 7th, 2017 | by Redazione

0

Festival del Cortometraggio a Orte, aperte le iscrizioni

Filoteo Alberini

A Orte, nel paese natale di Filoteo Alberini, si svolgerà dal 24 al 28 ottobre 2017 la quinta edizione del Festival del Cortometraggio. Nato dieci anni fa, per volontà di due giovani ortani, Antonio Pantaleoni ed Emanuele Moretti (entrambi classe 1986), il Festival è dedicato a Filoteo Alberini, primo vero inventore del kinetografo.

Il Festival del Cortometraggio Filoteo Alberini 2017, fortemente voluto e sostenuto dall’attuale amministrazione comunale dopo una pausa che durava dal 2010, premierà i migliori registi di cortometraggi italiani, che saranno sottoposti alla critica di una giuria di figure di spicco del mondo del cinema italiano. Laboratori didattici con le scuole, approfondimenti sulle tematiche del cinema e ospiti d’eccezione si avvicenderanno in una cinque giorni dedicata al mondo cinematografico.

Appuntamento speciale sarà l’inaugurazione di una statua in bronzo dedicata a Filoteo Alberini, eseguita dal maestro ortano, di fama internazionale, Roberto Joppolo.

Per partecipare al concorso, si possono scaricare i moduli sul sito www.festivalalberini.it

Filoteo Alberini, nato a Orte nel 1867, fu il primo nel 1894 a inventare il kinetografo, un apparecchio usato per la ripresa e la proiezione, che, per un intoppo burocratico, ricevette il brevetto ufficiale solo un anno dopo la richiesta del suo inventore, in concomitanza con l’uscita nelle sale de “L’uscita dalle officine Lumière” dei fratelli Lumière.

Alberini con l’amico Dante Santoni fondò nel 1904 la ditta “Primo Stabilimento Italiano di Manifattura Cinematografica Alberini e Santoni”, che nel 1906 cambiò nome in Cines, con sede a Roma. Ad Alberini si deve l’apertura della prima sala cinematografica in Italia, la sala Reale Cinematografo Lumière, inaugurata nel 1899. Nel 1904 Alberini fondò a Roma a piazza Esedra il cinema “Moderno”, prima sala di proiezione della capitale. Inoltre Alberini nel 1905 girò La presa di Roma, uno dei primi lungometraggi italiani a soggetto: la pellicola era lunga 250 metri e costò 500 lire.

Tags: , , , , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑
  • Archivi

  • Calcio Barella
    ViterboNews 24
    Tele Radio Orte
    Radio Rider